Senape Bologna: un giardino segreto in città

Un coast to coast lungo il Sulcis
14 settembre 2015
Home for Travellers: casa vacanza per viaggiatori
10 novembre 2015

Senape Bologna: un giardino segreto in città

L’autunno è appena iniziato ma non posso farmene una ragione, chi mi conosce sa che adoro il caldo e vivrei tutto l’anno in infradito. Per questa ragione sabato scorso sono andata alla ricerca di un luogo speciale, luminoso e caldo, un giardino segreto in cui “l’estate dura tutto l’anno”. L’ho trovato in via Santa Croce 10 da Senape a Bologna, il vivaio urbano.

 Senape vivaio urbano Bologna

Senape a Bologna non è solo un vivaio urbano, ma un progetto fantastico che ha portato il “verde” in città con un concept di green store che ricorda il nord Europa.

  verde a Bologna

Il progetto Senape nasce nel 2013 dall’idea di due giovani vivaisti, Giovanni e Jorge, che dopo aver maturato la giusta esperienza presso dei vivai poco fuori Bologna, decidono di realizzare un sogno, quello di portare il vivaio in città. Senape è il primo vivaio urbano d’Italia. Con tanti sacrifici Giovanni e Jorge hanno realizzato il proprio sogno e ora ci mettono tanta passione per farlo crescere perché come dice Confucio: 

 

         “Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua“.

 

 orto urbano bologna

Il vivaio urbano di Bologna è in pieno centro, in una traversa di via del Pratello, ci si può rifugiare sfuggendo alla vita frenetica e ai rumori assordanti della città perché al suo interno si vive lentamente e intensamente ogni attimo, ci si ferma a pensare, a chiacchierare con i padroni di casa, a leggere un libro sul verde mentre si gusta un’Ichnusa o mentre si sorseggia una tisana equo solidale nel salotto interno. C’è anche la possibilità di sedersi ai tavolini del dehor e farsi scaldare il viso dai tiepidi raggi del sole, oppure partecipare ai corsi organizzati periodicamente, dedicati agli esperti o ai neofiti che vogliono avvicinarci alla coltivazione degli orti urbani o che desiderano mettere alla prova il loro pollice verde 😉

 orto urbano bologna

 vivaio bologna

Giovanni e Jorge, oltre alle mille iniziative, si dedicano anche alla progettazione di spazi verdi per interni ed esterni (studiando lo spazio a disposizione e scegliendo le piante che meglio si adattano al contesto), non mancano i momenti conviviali organizzati in genere il giovedì con l’aperitivo. Senape è ideale anche per i nomadi digitali che vengono in città per lavoro o che cercano un posticino tranquillo per lavorare perché il Wi-Fi è gratuito.

 

 consegna fiori a domicilio bologna

 

Il vivaio urbano di Bologna si trova al piano terra in un’ex officina degli anni ’60, lo spazio è ampio, ben arredato con i muri illustrati, la cura del particolare, devo ammetterlo, mi ha colpito molto. Da Senape si trovano tanti oggetti regalo originali, dal design accattivante, t- shirt a tema green, attrezzi da giardinaggio fashion, oggetti super colorati dalle linee innovative e tessuti in puro cotone. Insomma ce n’è per tutti i gusti.

 negozio fiori bologna

 

 fiorai bologna centro

 orti urbani bologna

Dopo il corso di giardinaggio cosa succede? Se imparo a coltivare il mio orto sul balcone e vado in ferie? Oppure il pollice verde mi è venuto, ma ora che sono via per lavoro non riesco a badare alle mie piante, chi è che ci pensa?

Senape ha pensato anche a questo, inventandosi il plant sitting, un servizio che prevede l’innaffiatura quando non sei a casa oppure, se le piante non sono tante, puoi portarle al vivaio o ancora prenotarne il ritiro, prima di partire.

 orti in città bologna

Da Senape l’offerta è autentica e variegata e osservando i locali, i loro colori, le linee dello spazio espositivo e gli oggetti che racchiude, emerge la filosofia alla base del progetto: creare un luogo di incontro innovativo per appassionati del verde.

Direi che Bologna può finalmente vantare il suo lifestyle green concept.

About Martina Uras

Freelance Social Media Consultant e Blogger | Host at homefortraveller.it *Made in Sardinia-Bologna Based-World Citizen*

2 Comments

  1. Monica ha detto:

    E non dimentichiamo gli allegri Knit cafè di quelle strane di “Maglia che ti passa” che un sabato al mese invadono il salotto del vivaio con fili, ferri, uncinetti e chiacchiere, sempre pronte a fare nuovi adepti tra gli incuriositi clienti di Giovanni e Jorge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *