Plasmare, modellare, creare nell’antico borgo di Tratalias

Il mare in città, a Bologna
22 gennaio 2011

Plasmare, modellare, creare nell’antico borgo di Tratalias

Durante le ferie di Natale, ho visitato il Borgo di Tratalias, un piccolo paese che si trova nella zona sud – occidentale della Sardegna. Recentemente, il borgo è stato ricostruito, permettendo alla popolazione del luogo e ai turisti di fruire non solo della cultura ma anche della tradizione ed enogastronomia.

L’antico borgo è stato rivalorizzato e riportato in vita grazie a Sémata *, una cooperativa locale creata e gestita da giovani che amano la propria terra. Sémata s’impegna a tutelare e divulgare l’inestimabile patrimonio culturale sardo nelle sue diverse forme: ambientale, archeologica, storica, artigianale ed enogastronomica . I soci della cooperativa grazie alla loro esperienza e ricerca in ambito storico, archivistico, filologico e archeologico, promuovono il territorio attraverso eventi, mostre e percorsi didattici basati su laboratori d’ arte sperimentale. In un angolo del vecchio borgo, troverete il laboratorio in cui è possibile svolgere numerose attività, che vi consentiranno di calarvi nei vari periodi storici, viverli da protagonisti e non più da semplici spettatori come nella maggior parte dei musei.

Il laboratorio al suo interno è suddiviso in differenti aule tematiche, che raccolgono gli strumenti indispensabili per trasmettere la storia, l’archeologia e le tradizioni, offrendo una chiave di lettura, che permette di comprendere i molteplici aspetti delle civiltà antiche e la realtà culturale in cui esso stesso è inserito.

Le attività del laboratorio sono:

LAVORAZIONE DELLA PIETRA, un artigiano specializzato vi insegnerà a riconoscere le rocce, spiegherà gli usi più comuni e vi farà assistere alla lavorazione tradizionale della pietra trasformandola in laccu (forma dialettale per indicare un tipico recipiente del Sulcis).

SCULTURA SU PIETRA, una lezione in cui vi saranno fornite le basi per la lavorazione della pietra, evidenziando la tecnica, i materiali e gli strumenti per realizzare delle sculture tipiche.

TESSITURA, un incontro per insegnarvi l’arte della tessitura al telaio, le tecniche tradizionali e i materiali che si usano per le diverse fasi di preparazione della trama e dell’ordito.

laccu

PITTURA TRADIZIONALE SU STOFFA, un incontro per introdurvi ad un’antica tecnica tradizionale sarda, la pittura su stoffa. Dopo una presentazione dei tessuti usati per cucire le varie parti del costume e del corredo tradizionale, verranno analizzati temi e motivi della decorazione per i muncadoris de zugo (forma dialettale per indicare il foulard) o centri tavola .

costume sardo

DISTILLAZIONE DELLE ERBE OFFICINALI, una lezione che vi permetterà di partecipare alla ricerca, riconoscimento e raccolta delle erbe, che saranno destinate alla distillazione con l’uso del distillatore artigianale e al conseguente imbottigliamento delle essenze ottenute.

SAPONIFICAZIONE, un laboratorio che vi permetterà di capire i procedimenti chimici che si usano per ottenere il sapone, la fase del taglio e la creazione di un prodotto finito.

MANIPOLAZIONE DELL’ARGILLA, una lezione per riconoscere i diversi tipi di argilla e  il loro uso, con lo scopo di  realizzare dei manufatti.

FALLEGNAMERIA, una lezione sui vari tipi di legno e il loro impiego per la creazione dell’arredo tipico sardo.

MASCHERE DI LEGNO, una dimostrazione sulle fasi di lavorazione delle maschere sarde.

INCISIONE, un incontro incetrato sulla spiegazione dei materiali, delle tecniche, degli strumenti e supporti del laboratorio d’ incisione , per finire col processo della stampa calcografica.

DISEGNO, lezione introduttiva all’arte del disegno, studio del colore, della forma, tecniche di chiaroscuro e del tratteggio.

Come arrivare a Tratalias:

Da Olbia: SS131 in direzione Cagliari, uscire a Samassi, direzione Carbonia

Da Cagliari: SS130 in direzione Villamassargia – Carbonia

Dove dormire e mangiare:

vi consiglio due aziende turistiche che ho avuto modo di visitare recentemente, potete consultare i  loro siti, dove  troverete tutte le informazioni necessarie. Pubblicherò presto su ZOOVER  le recensioni delle loro strutture con le foto:

www.isconcais.it e www.agrislucia.it

 

Per i camperisti:

A Tratalias non ci sono piazzole pubbliche, ma degli agriturismi che metteno a disposizione delle aree attrezzate dove poter soggiornare: Agriturismo biologico Santa Lucia e Agriturismo Agrifoglio ( www.agriturismo-agrifoglio.it).

 

*parola greca che significa segno, emblema.

Foto: Martina Uras

About Martina Uras

Freelance Social Media Consultant e Blogger | Host at homefortraveller.it *Made in Sardinia-Bologna Based-World Citizen*

6 Comments

  1. coop sémata ha detto:

    Ciao Martina,
    grazie mille per splendida occasione di visibilità!
    A presto,
    Luca Sarriu

  2. notitiae ha detto:

    Interessante, bellissimo post! Volevo segnalare un interessante post di NotitiAE al link:

    http://notitiae.wordpress.com/2011/02/06/archeologia-preventiva/

  3. Michele ha detto:

    Ciao Martina! Confermo quanto scritto. Il nostro processo d’approvazione per una nuova struttura o una località è un po lunghetto. Confido nella tua pazienza 🙂 Grazie per la citazione! Non vedo l’ora di leggere i tuoi consigli anche sul blog di Zoover.it 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *