Panone di Natale, il panettone bolognese

4 idee insolite e originali per viaggiare nel Sulcis d’inverno
3 gennaio 2016
Pranzo o cena clandestina a Bologna, scegli tu!
31 gennaio 2016

Panone di Natale, il panettone bolognese

Appena tornata dal viaggio a Parigi, mi è venuta in mente una frase di Artusi

Quando sentite parlare della cucina bolognese fate una riverenza, ché se la merita

Non a caso Bologna è chiamata la “Grassa”, la sua arte culinaria non si esaurisce con i tortellini e la mortadella, ma le specialità bolognesi sono molteplici, deliziose e caratterizzano le feste tradizionali.

 

Dal 23 di dicembre sono stata sempre in viaggio (prima Sardegna, poi Francia) e non sono riuscita a dedicare un po’ di tempo ad una delle mie passioni più grandi, la cucina tradizionale e tradizionale rivisitata usando prodotti di stagione (anche a km zero). Lo so, sono un po’ “borderline”, siamo ormai all’8 di gennaio 🙂 dunque ne approfitto subito per condividere la ricetta del panone bolognese, un dolce tipico che racchiude la vera essenza di Bologna, la bolognesità appunto. Senza sapori non si viaggia! 🙂

Panone-bolognese

 

 

ricetta panone bolognese

Il panone di Natale è, per la tradizione bolognese, il panettone per eccellenza, si usa prepararlo in casa e regalarlo ad amici e parenti come segno d’augurio natalizio e di felice anno nuovo. In passato mi hanno spiegato che il liquore con cui veniva spennellato era la saba (un tipo di sciroppo derivante dal vino cotto per lunghe ore in un paiolo di rame), oggi viene usato l’alchermes o un altro liquore con simili caratteristiche.

Mentre cuocevo il mio panone di un Natale ormai passato, il buonissimo odore si diffondeva per tutta la cucina e sognavo di mangiarne una fetta con un tè bollente guardando fuori dalla finestra il nostro giardino fradicio di pioggia,  in cerca d’ispirazione per il prossimo post 🙂

Curiosità: una fetta di panone è l’ideale per allietare il tuo palato in un freddo pomeriggio d’inverno con tè o caffè, ma è perfetto anche da portare in ufficio per la pausa di mezza mattinata. Il panone di Natale ti dà l’ energia giusta per affrontare le ore di lavoro che ti restano. Oppure puoi confezionare dei quadratini con etichetta personalizzata da regale a degli amici.

Sotto trovi la ricetta, mi sono ispirata a quella tradizionale ma l’ho leggermente modificata secondo i miei gusti. Nella prossima viaggetta ti spiegherò come realizzare etichette carine per confezionare le tue creazioni culinarie.

A presto!

 

Panone di Natale
Write a review
Print
Ingredients
  1. Farina 750 g
  2. Mandorle 150 g
  3. Cedro Candito in cubetti 150 g
  4. Frutta Candita 100 g
  5. Uvetta Sultanina 100 g
  6. Noci 100 g
  7. Marmellata di prugne 300 g
  8. Burro 100 g
  9. Zucchero Vanigliato 100 g
  10. Zucchero Semolato 200 g
  11. Fichi Secchi 200 g
  12. Cacao amaro 50 g
  13. Cioccolato Fondente tagliato a pezzi o gocce di cioccolato 50 g
  14. Vino Bianco 100 g
  15. Lievito per dolci 24 g
  16. Latte 125 g
  17. Brandy 100 g
  18. Miele 20 g
  19. Scorza di un limone e scorza di un’arancia
  20. Uova 2
  21. Frutta candita e mandorle per la decorazione
Instructions
  1. Prendi due terrine, una di piccole dimensioni dove amalgamerai lo zucchero semolato e le uova, un'altra di grandi dimensioni dove metterai la farina e tutti i componenti secchi (la buccia grattugiata del limone e dell’arancia, le mandorle tritate, i canditi, il cacao, lo zucchero vanigliato, il cedro candito a cubetti, le noci, l'uva passa, il cioccolato tritato, i fichi secchi sminuzzati grossolanamente).
  2. A questo punto incorpora la marmellata, la crema uova/zucchero, il burro fuso (che avrai lasciato raffreddare per circa un’ora), il vino bianco e il latte dove avrai sciolto il lievito.
  3. Impasta bene con le mani, continua a impastare fino a ottenere un composto omogeneo e consistente (se necessario aggiungi un altro po' di latte).
  4. Una volta ottenuto un composto omogeneo, mettilo in uno stampo che avrai rivestito di carta forno, decora la superficie a piacere, secondo la tua fantasia, e lascialo riposare per una notte.
Cottura
  1. Accendi il forno 5 minuti prima a 170° ventilato e fai cuocere il panone per circa 30 minuti, mentre in panone cuoce sciogli il brandy e il miele in un pentolino a fiamma lenta, lasciali raffreddare (il composto ti servirà per spennellare il panone pronto e freddo).
  2. Dopo aver sfornato il panone potrai spennellarlo con il composto brandy e miele
Curiosità
  1. 1) nella ricetta originale ci vanno anche i pinoli ma a me non piacciono dunque nella mia versione non li ho inseriti.
  2. 2) i forni sono tutti diversi, dunque per impostare la temperatura del forno usa la tua esperienza, ho cotto il mio panone con un forno ventilato alla temperatura che ho indicato sulla ricetta.
  3. 3) oltre alla scorza del limone, ho aggiunto quella di arancia per dare risalto al sapore dei canditi che adoro. Gli ingredienti possono essere aggiunti, eliminati o sostituiti secondo i gusti ma il peso della farina non deve mai superare il peso degli altri ingredienti.
Blog | Due Torri e Nuraghi http://www.duetorrienuraghi.it/

About Martina Uras

Freelance Social Media Consultant| Blogger| Traveller| Photographer | Entrepreneur at homefortraveller.it *Made in Sardinia-Bologna Based-World Citizen*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *