S’Ortu Mannu: un bosco di ulivi secolari
22 maggio 2013
In viaggio verso la Costa Verde
2 giugno 2013

La Tigre: l’osteria di Cesare Cremonini

La Tigre é l’osteria che Cesare Cremonini ha aperto e gestisce insieme a tre amici. In realtà l’osteria già esisteva, anzi è una tra le più vecchie osterie di Bologna, si trova in via Orfeo nel centro storico della città. Ci sono stata a cena un po’di tempo fa con Valentina Caselli per abbozzare il progetto del nuovo evento social a cui stiamo lavorando.

Era da tanto che ne sentivo parlare, desideravo farci un salto soprattutto incuriosita “dall’oste”. Sfortunatamente non l’ho visto “indossare un cappellino da cuoco e neanche inventare ricette a go go quasi per gioco” ma devo dire che ci siamo trovate bene, anzi siamo pure riuscite a lavorare tra una chiacchiera e l’altra perché il tavolo spazioso ci ha permesso di allargarci. 🙂

Il locale ha uno stile tra il radical chic e il vintage, è aperto tutto l’anno dalle 18 alle 2.30 del mattino, escluso Agosto e i fine settimana di Luglio. Se decidete di andare alla Tigre, vi consiglio di prenotare soprattutto d’inverno perchè l’osteria è sempre piena.

Davanti alla porta d’ingresso, sul fondo, trovate il bancone con la cassa, poco distante la cucina, sul lato opposto un pianoforte ed un salottino con il televisore, quasi a voler ricreare un piccolo spazio domestico, suggerendo l’idea di “casa” in cui ci si può rilassare facendo quattro chiacchiere mentre si beve del buon vino o una birra.

Sulla sinistra vicino all’entrata, trovate la bacheca col menù che comprende piatti fissi ai quali si aggiungono alcuni piatti del giorno che vengono elencati direttamente al tavolo. Lavorano col fresco, la stuzzicheria e i taglieri. I prezzi sono abbordabili.

Da provare.

About Martina Uras

Freelance Social Media Consultant| Blogger| Traveller| Photographer | Entrepreneur at homefortraveller.it *Made in Sardinia-Bologna Based-World Citizen*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *