Il viaggio di Roberto: Masua e Nebida le pepite del Sulcis

Il viaggio di Manu: Tratalias tra sacro e profano
3 aprile 2011
Il viaggio di Carla: le isole nell’isola
5 agosto 2011

Il viaggio di Roberto: Masua e Nebida le pepite del Sulcis

  Roberto C.  
STUPENDA questa opportunità che dai ai tuoi lettori! Sono contentissimo di potermi affidare alle tue conoscenze e alla passione che provi per la tua bellissima isola! Ecco qui, provo a essere esauriente!
* Mezzo di trasporto: auto e traghetto! (Da Padova)
* Con chi viaggerai: con la persona che amo
* Durata del viaggio: una settimana.. ma spererei anche due, se il lavoro lo consente
* Tipologia di alloggio: appartamento! solitamente mi affido al buon sito homelidays
* Interessi di viaggio: qui viene il bello.. ho passato una settimana nella tua fantastica sardegna l’estate scorsa.. avevo l’appartamento a cabras, e di lì ho girato un pò: prevalentemente spiagge!! la penisola del sinis è stata un’ottima scelta perchè mi ha permesso di conciliare la mia vacanza-tipo (sole sole sole mare mare mare relax relax relax) con una visita “culturale”, alle rovine di tharros.. per la precisione, quindi, il mio interesse di viaggio si concentra tutto nel trovare una località al di fuori del turismo di massa, perchè non sopporto le spiagge affollate, attrezzate, prettamente turistiche.. mi piace la spiaggia libera, mi piace al naturale.. preferisco i piccoli borghi, le calette sperdute/oasi di pace e tranquillità.. mi piace dover camminare, faticare, attraversare una pineta o scendere per sentieri scoscesi per poter trovare una baietta tranquilla e deserta.. poi, non sono un amante della vita notturna, per cui a me basterebbero la mia spiaggetta tranquilla e non “trafficata”, il mio appartamentino e un supermercato entro 10km di distanza per farmi felice :-)
* il tuo budget: il mio budget sarà quello dello scorso anno, ovvero entro i 500euro.. non siamo una coppia spendacciona: traghetto, benzina per la macchina, spesa di alimentari e una cenetta fuori..!

Ti ringrazio anticipatamente se potrai aiutarmi con qualche dritta utile sulla mia destinazione :-)

Carissimo Roberto, ti ringrazio per la richiesta che mi hai inviato. Ti ho confezionato un viaggio che chiamerò Masua e Nebida le pepite del Sulcis. Chiedo venia per il ritardo con il quale ti rispondo 🙁 ma in questo periodo il tempo è assolutamente tiranno :-).

Il budget che mi hai dato è un po’ basso, se consideri che quest’estate le compagnie marittime non praticheranno le promozioni degli ultimi anni. A tal proposito, ti invito a partecipare alla discussione aperta sulla pagina facebook di Sardegna delle Meraviglie, ed aiutarci a sensibilizzare la gente che vuole venire in Sardegna, a protestare contro questo sopruso.

Dopo un rapido giro di telefonate, sono riuscita ad organizzare la vacanza che fa per te ;-)!  Il periodo che ti permette di non sforare il tuo budget è Maggio/Giugno. Dunque con sommo piacere “posto” la tua vacanza e ti consiglio di visitare due località del Sulcis ancora poco conosciute e assolutamente fuori dal turismo di massa: Nebida e Masua.

Riassumo brevemente, quelle che sono le tue esigenze:

* Mezzo di trasporto: auto e traghetto

* Numero di persone: coppia

* Durata del viaggio: una settimana (forse due)

* Tipologia di alloggio: appartamento privato

* Interessi di viaggio: spiagge piccole e poco affollate, vacanza tranquilla, poco amanti della vita notturna, appassionati di escursioni

*Budget : 500€

Nebida e Masua sono due ex centri di estrazione mineraria che si estendono lungo la costa del Sulcis Iglesiente.

Seguendo l’indicazione per il Belvedere (percorso molto suggestivo), si arriva ai piedi di una collina, dalla quale si possono ammirare i resti della Laveria Lamarmora, un ex edificio minerario in cui si lavavano e separavano i minerali estratti dalla miniera. Il sito si può raggiungere da una strada sterrata alla quale si accede da quella principale.

Qualche km più a nord, sullo sfondo di uno spettacolare paesaggio, domina il massiccio scoglio del Pan di Zucchero (il nome deriva dalla sua forma e dal colore biancastro).

Questa formazione rocciosa è alta 133 m rispetto alla superficie del mare. Il carattere così imponente del Pan di Zucchero e della circostante scogliera è particolarmente amato dagli appassionati di free climbing, un tempo erano sfruttati per la roccia metallifera. Per la sua bellezza così selvaggia e frastagliata, la scogliera viene spesso paragonata ai faraglioni irlandesi.

Proprio davanti al Pan di Zucchero, si trova una piccola spiaggia molto bella, alla quale si arriva da una stradina che costeggia la falesia. Il suo pregio è dovuto alla posizione privilegiata, che consente al visitatore di sistemarsi proprio di fronte all’imponente scoglio.

Questa è una zona ricca di testimonianze e resti dell’industria mineraria, nonchè meta degli appassionati di mineralogia, geologia, storia e ingegneria mineraria. Non dimenticate che ci troviamo all’interno del parco geominerario, nato nel 1998 con la sottoscrizione ufficiale da parte dell’UNESCO.

Poco distante dal Pan di Zucchero, percorrendo una strada sterrata si arriva all’impianto di Porto Flavia. Fino agli anni ’20, i velieri che trasportavano i minerali, venivano tirati a secco sulle spiagge, con molta fatica, dai minatori.

Questa testimonianza, ci è stata tramandata attraverso delle foto che ritraggono gli operai mentre trasportano il carico dei minerali sulle spalle. I velieri carichi partivano alla volta Carloforte, dove si trovavano le navi mercantili pronte ad accogliere il carico. Nel 1924 l’ingegnere Cesare Vecelli, per abbattere gli ingenti costi di trasporto dei minerali estratti, realizzò l’impianto e gli diede il nome della sua primogenita Flavia.

Per realizzare l’opera sono state scavate due gallerie sovrapposte all’interno della scogliera, per circa 600 m fino a raggiungere il mare aperto. Alla base di questo tunnel, un braccio mobile trasferiva i minerali grezzi dal nastro trasportatore sulle navi ormeggiate al di sotto della scogliera.

Il sito può essere visitato su prenotazione, contattando il numero 0781.491300, biglietto compreso il servizio di guida al sito costa 8€ per gli adulti; ragazzi da 6 a 12 anni 4.50€; gruppi superiori a 25  6€; scuole  4.50€

Sempre a Masua potete visitare il Museo delle Macchine da Miniera in cui si trovano oltre 70 macchine e diverse attrezzature usate per il lavoro in minera. Per poterlo visitare potete prenotare al 0781.491300, il costo del biglietto: individuale è di 3€ per gli adulti, i ragazzi dai 6 ai 12 anni pagano 1€, i gruppi superiori a 25 2€, le scuole 1€.

A Nebida e Masua si posso praticare diversi sport a contatto con la natura, come trekking, escursioni a cavallo, birdwatching, climbing e mountainbike, potete scegliere di farlo autonomamente o contattando le cooperative della zona, vi lascio alcuni nomi: Sayanna si trova a Portoscuso 0781 508703, Sonebentu a Carbonia 3455011149 Fabio.

ALLOGGIO : Appartamento privato

il Sig. Ernesto, offre un appartamento indipendente su due livelli, zona Nebida / Masua, 1.5 Km dal mare. L’appartamento è composto dalla sala da pranzo con angolo cottura, 2 bagni, 2 camere; tutti i comfort, posti letto n. 6, per ulteriori informazioni vi consiglio di contattare il numero 070 780207

MAGGIO 300€ (a settimana)

GIUGNO 300€ (a settimana)

DOVE MANGIARE:

Hotel/Ristorante Pan di Zucchero, Nebida, tel. 0781 47114 .

Le porzioni sono abbondanti, principalmente piatti a base di pesce fresco e frutti di mare, ambiente rustico.

COME ARRIVARE A NEBIDA E MASUA:

Da Olbia: SS 131 direzione IGLESIAS, uscire da Iglesias sulla S.S.126 in direzione Sant’Antioco, dopo aver percorso 8,2 km svoltare a destra in direzione di Nebida-Masua.

Credit Foto:   http://sulcisiglesiente.blog.tiscali.it, www.nebida.com, www.marenostrum.it

Foto mie: Spiaggia davanti a Pan di Zucchero, Costa Nebida Masua, Pan di Zucchero, Laveria Lamarmora

About Martina Uras

Freelance Social Media Consultant| Blogger| Traveller| Photographer | Entrepreneur at homefortraveller.it *Made in Sardinia-Bologna Based-World Citizen*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *